Non si nasce "imparati"

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Proprio per questo è importante la formazione. Gli scenari mutano e sollecitano la gestione del cambiamento attraverso nuove conoscenze e abilità. E non si tratta solo di aggiornamenti tecnici, ma anche di entrare nel dettaglio della relazione con la clientela, quel sistema invisibile e distintivo che ti permette di conquistarla.

Chi entra nel tuo Centro Ottico, porta con sé un bisogno che spesso non è chiaro; puoi farlo emergere e soddisfarlo, con due elementi-chiave.

1) Una squadra di vendita performante e motivata. 

Le persone che lavorano nel negozio hanno la consapevolezza dei valori del marchio? Si tratta di figure con responsabilità diretta sui risultati commerciali e dunque necessitano di potenziare sia le loro risorse creative e relazionali sia l’abilità di rafforzare l’immagine del Centro, attraverso tecniche di vendita, merchandising, organizzazione, teamworking. Non è questione di semplice infarinatura abbinata ad un po’ di capacità di persuasione, ma dell’inserimento in un percorso formativo che liberi nuove attitudini e interessanti risultati. L’apprendimento continuo è al centro dell’esperienza dell’individuo e concorre ad ampliare i confini di business grazie a maggior coinvolgimento e fiducia nelle proprie capacità, ampie competenze, migliore produttività.

2) La coesione tra il punto vendita, il prodotto e il team.

Nello store il prodotto viene fisicamente guardato, toccato e indossato; qui si mettono in gioco le emozioni che accompagnano il consumatore verso l’acquisto. L’arredamento, il team e la comunicazione devono correre su binari paralleli divulgando un’univoca identità di brand, coerente con il suo prodotto e il suo posizionamento. Insomma: più che un arredo, un senso di fiducia; più che un luogo, un’esperienza coinvolgente; più che una promozione, un’opportunità da vivere e condividere; più che un venditore, un consulente all’acquisto.

Il negozio che “parla tutte queste lingue”, apre la strada ad una cerimonia di vendita che è libera da ogni zavorra confusionale e che dispone di tutti i suoi punti di riferimento per soddisfare l’acquirente.

Quando entra un acquirente, la prima cosa da fare è identificarne il profilo, come per il perfezionista, ad esempio.

La scheda

Clicca sulla scheda per ingrandire l’immagine.

di Nadia Danzi

Sei un ottico?
Vuoi ricevere le altre schede di vendita?

Oltre al perfezionista, abbiamo individuato altre 3 tipologie di acquirente.